I sapori dell’ansia quotidiana

ansia-ansiosa

 

Lo scopo dell’ansia è di aiutarti a prestare attenzione e fornirti energia. Forse non ti piace il modo in cui ti fa sentire, ma questo è il punto: come con tutte le emozioni negative, il modo principale in cui l’ansia ti motiva ad agire comporta il tuo desiderio di liberarti dei suoi effetti. Quando sei ansioso di fare qualcosa, ad esempio, noti che una volta completato la cosa da fare la tua ansia scompare, almeno finché la tua attenzione non viene attirata dalla prossima cosa che devi fare. In questi casi, l’ansia è come un genitore incapace che ti ricorda continuamente di fare qualcosa e sa che sarai sollevato quando affronti la situazione.

Il valore adattivo e motivazionale dell’ansia è stato spesso oscurato dalle percezioni negative dell’emozione. L’ansia, infatti, può motivarti in modi positivi, ad esempio, attirando la tua attenzione su qualcosa che è necessario che tu noti in quel momento   o anche in una dose misurata facilita l’apprendimento e la performance intellettuale. Tuttavia, per alcune persone e in certe situazioni, l’ansia può essere avvertita a un livello vissuto come molto minaccioso.

Sebbene l’ansia sia prominente in termini di qualcosa che le persone sperimentano, non è considerata una delle emozioni primarie o fondamentali. L’emozione dominante che crea la sensazione di ansia è la paura, che può spiegare perché molte persone confondono i due concetti. Ancora più importante, mentre la paura è un’emozione primaria, l’ansia rappresenta una miscela di emozioni in cui la paura è dominante.  La paura viene attivata in risposta a una minaccia imminente da una fonte conosciuta che porta immediatamente all’impulso di difendersi. Probabilmente potresti provare paura, ad esempio, se mentre guidi ti vedi improvvisamente un’altra macchina che si muove senza controllo verso di te. In contrasto con la paura, l’ansia è una risposta a una minaccia sconosciuta o a qualcosa che non è specificamente minacciosa.  Distinta dall’imminente qualità della paura, l’ansia è uno stato di nervosismo e apprensione che ti mette in allerta per un minaccia futura o alla possibilità di pericolo, come essere vigili mentre si guida, perché si prevede che ci saranno dei guidatori disattenti sulla strada. La commistione di altre emozioni, insieme alla paura, rende l’ansia una risposta a una vaga minaccia non specifica, in contrapposizione alla risposta di paura in cui la fonte è nota e l’evitamento del pericolo è richiesto immediatamente.

La fusione della paura con altre emozioni produce la varietà di modi in cui si sente l’ansia. Queste variazioni dell’ansia sono spesso i carburanti che ci motivano a fare le cose o generalmente ci spingono a fare qualcosa che ci alleggerirà dai suoi effetti. Insieme alla paura, le altre emozioni che il  cervello può attivare per produrre ansia sono per esempio, angoscia, eccitazione, rabbia, disgusto e vergogna. Poiché lo sviluppo delle nostre risposte emotive è soggetto alla nostra cultura ed esperienza, ciò che attiva la nostra ansia può variare. Diamo un’occhiata ad alcuni dei vari sapori dell’ansia e come li potresti sperimentare.

Generalmente, l’angoscia stessa viene percepita come agitazione, fastidio o tensione – una sensazione costante e spiacevole che può sorgere da una varietà di fonti interne ed esterne. Quando sei angosciato, sei motivato ad anticipare ciò che sta per andare storto e quindi provare a risolvere il problema in modo efficace. Sentirsi stressati  è il risultato di angoscia che è stata attivata in risposta alla paura e alla paura è molto prominente nel mix.

Anche la paura viene stimolata dall’emozione dell’eccitazione. L’unione di paura ed eccitazione produce ansia che rende possibile provare l’emozione sia allo stesso tempo positiva che negativa. Potresti aver provato quell’effetto su un giro in un parco di divertimenti, mentre sei impegnato in uno sport impegnativo, o quando hai previsto di vedere qualcuno che ti interessa. Il risveglio della paura e dell’eccitazione può anche produrre un eccitamento e stimoli che possono portare a un’intensa concentrazione su un progetto o alla sensazione di essere “on-line” su di esso.

Se sei scontroso e agitato, la tua miscela unica di ansia può coinvolgere la rabbia unita alla paura. Come risultato di questo mix, le persone comunemente sperimentano agitazione, una depressione agitata o si arrabbiano immediatamente:  Dal momento che questa ansia si traduce in un’attenzione focalizzata su un compito, interrompendole si può innescare un’eruzione.

Quando il cervello aggiunge disgusto alla paura, la fusione genera ansia da disgusto. Il disgusto di per sé è altamente motivante. A un livello di base, il disgusto è una risposta di rifiuto a qualcosa che ha un cattivo gusto o semplicemente non sta bene. Il disgusto fa provare qualcosa di rivoltante o ripugnante, che si vuole espellere o evitare. Questa risposta emotiva è pensata per proteggerti facendoti desiderare di liberarti o allontanarti da ciò che è offensivo. Nel caso dell’ansia da disgusto, diventi ansioso nell’incontrare qualcosa di disgustoso, o potresti sperimentarlo come paura di essere disgustoso, cioè che qualcuno percepirà te o qualcosa che ti è associato come disgustoso. Quindi, nel tentativo di minimizzare la possibilità di respingere un’altra persona, sarai motivato a fare qualcosa al riguardo. Se mangi gli spinaci a pranzo, ad esempio, potresti essere motivato dall’ansia di vergogna a controllare i denti prima di tornare in ufficio per assicurarti di non avere alcun verde tra lo smalto.

Allo stesso modo, quando la paura e la vergogna si attivano nelle immediate vicinanze, il risultato è vergogna per l’ansia .Questa emozione è solitamente accompagnata da pensieri di potenziale umiliazione o fallimento, e quindi ci motiva a fare qualcosa per evitare di perdere la faccia. Quindi, prima di un incontro o una data importanti, puoi scegliere alcuni vestiti che ritieni ti facciano sembrare buono, o studierai duramente prima di un esame importante. Una cognizione spesso associata all’ansia di vergogna che è altamente motivante è descritta come una paura del fallimento.

Ci sono indubbiamente dei momenti in cui l’ansia normale porta a sentirti un po ‘scardinato. A livelli eccessivi l’ansia ti mette in allarme per quanto riguarda una minaccia attuale o futura percepita.  Gli effetti psicologici e fisiologici dell’ansia possono essere così spiacevoli che possiamo ignorare che ha una funzione evolutiva importante per proteggerci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...