8 sintomi della depressione post-partum che dovresti conoscere

 

Mito da sfatare numero 1:

La depressione postpartum può iniziare prima del parto. In tutto il 50 per cento delle mamme con depressione postpartum, i sintomi sono iniziati durante la gravidanza, non solo dopo la nascita del bambino.

Mito  # 2: La depressione postpartum può anche iniziare più tardi, ben oltre le prime quattro settimane dopo il parto. In conclusione: se si soffre, non è necessario inserire una diagnosi per ottenere aiuto.   Non importa quale sia l’etichetta, il tuo medico o chi offre servizi di salute mentale dovrebbe trattarti allo stesso modo: con compassione e azione.

Mito # 3: Esiste tutta una serie di altre depressioni postpartum oltre alla depressione postpartum: ansia postpartum, DOC post-partum e raramente, ma abbastanza spesso da essere riconosciute, psicosi postpartum. Questi sono tutti problemi difficili che le nuove mamme (e anche i papà) possono sperimentare.

Mito # 4: La depressione postpartum consiste in qualcosa di più del semplice “baby blues”, il periodo di adattamento emotivo che si verifica dopo aver avuto un bambino. I baby blues vanno via da soli e consistono nell’esperienza dei sintomi di seguito in modo transitorio. Al contrario, con la depressione postpartum, si avvertono alcuni o tutti i sintomi il più delle volte.

Quindi, quali sono i sintomi della depressione postpartum?

Sintomo n. 1: ti senti in colpa. Ti senti come se dovessi fare meglio di questo o gestire le cose in modo diverso. Le parole “dovrei” mi vengono in mente molto. Ti senti danneggiata o inutile o come se non meritassi di essere una mamma. Non vuoi che nessuno lo sappia, e così nascondi quanto ti senti orribile. Ti preoccupi che se ti fidassi di qualcuno, ti giudicherebbero o ti toglierebbero il bambino.

Sintomo n. 2: non puoi essere rassicurata. Con il baby blues, a volte è normale sentirsi sopraffatti, ma alcune parole gentili del tuo partner o di un amico di cui ti fidi ti faranno sentire meglio. Con la depressione postpartum, ti senti sopraffatta, triste o ansioso il più delle volte. Invece di confortarti, la rassicurazione sembra una bugia.

Sintomo n.2: fantastichi di fuggire. Questo va oltre lo scherzare su un biglietto di sola andata per la Giamaica. Invece, sogni di allontanarti e di non tornare mai più perché senti che la tua famiglia starebbe meglio senza di te. Potresti avere pensieri di fuga, suicidari  o di essere uccisa, come essere investita da un autobus. Queste fantasie persistono anche se si ottiene un po ‘di riposo e supporto. Nota: se i tuoi pensieri sul suicidio sono più che semplici pensieri, o hai un piano per ucciderti, chiedi aiuto subito.

Sintomo n. 4: ti senti sopraffatta. Con la depressione postpartum, non ti senti semplicemente sopraffatta in momenti particolarmente difficili, ma la maggior parte o la totalità del tempo. Ti senti come se non fossi tagliato per essere una mamma e questo è stato un terribile errore.

Sintomo n. 5: Metti in discussione il tuo amore per il tuo bambino. Questo va ben oltre il prendere un po ‘di tempo per legare, il che è normale. Non senti affetto per il tuo bambino e potresti anche non volerlo guardare o prendersi cura di lui.

Sintomo n. 6: ti senti inadeguata. Ti preoccupi di non essere abbastanza brava o di non poterlo esser e che il tuo bambino sarà danneggiato o non curato per sempre, e sarà tutta colpa tua. Sei convinta di essere sbagliata o difettosa (non solo delusa o dispiaciuta, ma veramente inadeguata) perché non hai dato alla luce “la via giusta” o non puoi o non vuoi allattare.

Sintomo n. 7: sei arrabbiata e irritabile. Fai spaventare il bambino, il tuo partner o chiunque ti si avvicini. Potresti risentirti con il tuo bambino perchè stai passando ciò.

Sintomo n. 8: sei preoccupata che tuo figlio ti abbia etichettato come una nullità. Sei preoccupata del fatto che non sei adatta per essere una madre e che il tuo bambino possa dire: a lui o lei non piaci, non ti ama o ti offende per aver pianto tutto il tempo o per essere pazza.

È importante notare che non tutti sperimenteranno tutti i sintomi, inoltre ci sono anche i classici sintomi della depressione come il pianto e i cambiamenti nell’appetito e nel sonno. Non preoccuparti di abbinarti perfettamente – sai se sei infelice.

Il messaggio da portare a casa è questo: portare una nuova persona nel mondo è stancante, emotivo e, a volte, travolgente. Ma se pensi di perdere la testa, o di sentirti infelice il più delle volte, risentita più spesso o meno, o preoccupatail-tuo-bambino-ha-un-anno-1067255_w767h767c1cx510cy248.jpg più spesso, meriti un aiuto. Un nuovo bambino è duro, ma non dovrebbe essere un tormento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...