Cosa attiva il tuo problema?

Quando un cliente descrive un evento problematico accaduto nella sua vita, si possono identificare diversi elementi:

  1. Cosa è accaduto
  2. Come l’ha percepito il cliente
  3. Cosa ha inferito il cliente su quanto accaduto
  4. Come ha valutato l’accaduto
  5. Se il cliente valuta in modo positivo o negativo quanto percepito o inferito sull’accaduto
  6. La risposta emotiva e comportamentale del cliente

Dovranno essere obbligatoriamente presenti almeno un elemento fra i primi tre, uno fra il quarto e il quinto, e infine il sesto.

I primi tre elementi formano l’evento attivante; il quarto e il quinto rappresentano le credenze; mentre l’ultimo si riferisce alle conseguenze emotive e comportamentali.

Come evento attivante  sarebbe opportuno riportare la rappresentazione reale dell’accaduto e implicherebbe una descrizione la più obiettiva possibile di ciò che è stato detto e del tono e modo esatto in cui è stato detto.

Distinguiamo, quindi, fra realtà confermabile, percepita e inferita.

La realtà percepita è la realtà descritta dal cliente, vale a dire ciò che ritiene sia presumibilmente accaduto. La realtà confermabile si riferisce al consenso sociale su quanto accaduto. Se diversi osservatori testimoniassero lo stesso evento, e lo descrivessero allo stesso modo avremmo un fatto confermabile. Nel nostro esempio precedente, se un gruppo di persone avesse udito le esatte parole riportate dal cliente , pronunciate con la stessa intonazione, e un’alta percentuale di queste le percepisse come un insulto, potremmo concludere che nella realtà confermabile il cliente è stato insultato. La realtà inferita, infine, rappresenta la conclusione cui giunge  il cliente basandosi su quanto ha percepito. Il pensiero “Non gli piaccio” potrebbe essere un’inferenza tratta dal fatto di essere stato criticato. Questa inferenza è un pensiero che il cliente formula riferendosi a un evento attivante immaginario. Non importa se questo evento immaginario/inferito sia accaduto o meno, il cliente reagisce a esso con una risposta emotiva intensa e quindi va trattato come un evento reale.

E’ importante dunque andare a costruire il significato personale per ogni evento attivante accaduto per quella persona, in quel momento preciso e in quel posto particolare associato all’evento.

 

Bibliografia Manuale di terapia razionale emotiva comportamentale R.A.Di Giuseppeillustrazione-di-simbolo-di-problema-30659707

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...