Senza categoria

Programmi multidisciplinari nel dolore cronico.

Dolore cronico (tensione mal di testa, emicrania, lombalgia, fibromialgia), definito come un dolore continuo o intermittente che persiste per più di sei mesi.

I programmi multidisciplinari che includono interventi psicologici sono superiori ad altri programmi di trattamento attivo in termini di miglioramento dei risultati sia a breve che a lungo termine.

Ansia, depressione, pensieri negativi, ecc., sono collegati in modi diversi, poiché alcuni sono sintomi di dolore cronico e altri, conseguenze della loro sofferenza. Queste conseguenze finiscono per diventare fonti di nuovi problemi, che contribuiscono al mantenimento e alla perpetuazione di nuovi problemi.

Ad esempio, se il dolore e la rigidità producono tensione, tale tensione e rigidità produrranno più dolore. A sua volta, questa tensione contribuisce all’aumento di diversi problemi associati come le difficoltà ad addormentarsi o l’aumento di pensieri e preoccupazioni negative. Pertanto, quei pensieri negativi, preoccupazioni o mancanza di sonno possono essere considerati come una conseguenza dei sintomi del dolore cronico, come un fattore aggravante.

Tutte queste difficoltà contribuiscono alla maggiore tristezza, quindi il rapporto tra tutti questi fattori chiude un circolo vizioso, che finisce per spiegare il mantenimento di questi problemi.

Questo è un problema biopsicosociale che include diverse variabili e meccanismi biologici, psicologici e sociali e deve essere trattato con un programma multicomponente che affronta tutti gli aspetti di cui sopra. Nel trattamento è essenziale accettare di soffrire di una malattia cronica che deve essere conosciuta e rispettata.

Si è appreso che anche con le limitazioni che possono provocare la malattia, ci sono molte attività che possono continuare a essere disponibili e molte strategie che possono essere apprese per combattere i sintomi e condurre una vita il più normale possibile, nonostante il dolore cronico.

Strategie per trattare il dolore cronico

Alcune di queste strategie sono per conoscere le caratteristiche del dolore cronico e dei fattori psicologici coinvolti nella loro condizione, per impegnarsi ad apprendere le diverse strategie terapeutiche che possono essere utilizzate per affrontare, per imparare a identificare le situazioni in cui viene generata tensione muscolare e utilizzare il rilassamento per controllare l’eccesso di tensione, identificare le attività abbandonate a causa del dolore e pianificare la loro guarigione gradualmente, perché alla fine finiscono per influenzare il funzionamento generale della persona e producono effetti negativi in molte aree della vita.

E’ necessario ripristinare un equilibrio tra lavoro, riposo e la ricreazione per evitare l’esaurimento e migliorare lo stato di incoraggiamento, imparare a identificare le diverse emozioni che frequentemente provocano danno nella loro vita come ansia, tristezza, preoccupazione, paura, irritabilità …, così come le situazioni in cui si manifestano. Queste emozioni negative, oltre a essere prodotte dal dolore, possono essere innescate in situazioni della nostra vita che ci travolgono e cioè in situazioni stressanti.

• Apprendere strategie appropriate per far fronte a queste situazioni e controllare le emozioni coinvolte;

• Identificare i pensieri negativi e le preoccupazioni sul dolore, la malattia e altri problemi di vita;

• Identificare i comportamenti e le preoccupazioni legati agli episodi di insonnia;

• Imparare ad usare rilassamento e altre serie di comportamenti che facilitano il sonno.

La gestione del dolore cronico e dei problemi che appaiono associati ad esso, così come qualsiasi abilità acquisita nella vita, può essere padroneggiata con una pratica regolare e continua. Va tenuto presente che un frequente problema nei disturbi cronici sono le ricadute, in questa situazione dovrebbe essere preso in considerazione tutto ciò che è stato imparato con lo psicologo e mettere in pratica quelle strategie che sono state utili in determinate situazioni, perché le conosciamo.

I risultati saranno:

1. Un migliore funzionamento fisico (cercare un equilibrio tra lavoro, riposo e divertimento per evitare l’esaurimento e migliorare l’umore il quale aiuterà a recuperare attività piacevoli perse),

2. Un miglioramento del livello di affaticamento, grazie al miglioramento del sonno, miglioramento della tensione, nervosismo e ansia (utilizzando la respirazione rassicurante),

3. Miglioramento della depressione e dei sintomi più caratteristici del dolore cronico (dolore, rigidità e nausea mattutina) anche se la diminuzione del dolore non è proposto come obiettivo specifico, in quanto accade che dopo l’intervento si ottenga una diminuzione del dolore






	
	

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...